Stupide convinzioni sul Blackjack

I miti abbondano in ogni angolo della terra e i casinò non fanno eccezione. Mi sono di recente imbattuto in un articolo di John Grochowski che illustra in dettaglio alcuni […]

I miti abbondano in ogni angolo della terra e i casinò non fanno eccezione. Mi sono di recente imbattuto in un articolo di John Grochowski che illustra in dettaglio alcuni dei miti più popolari dei casinò e la ragione di questi miti. Vediamone alcuni.

Blackjack: il giocatore in terza base è un giocatore di squadra e non dovrebbe prendere la carta che fa sballare il banco. Non sarebbe bello sapere se la prossima carta nel mazzo farà sballare la mano del banco? Quando sedete in terza base – l’ultimo al tavolo a giocare prima del croupier – e state meditando se chiedere carta col vostro 12 contro il 2 del croupier o se raddoppiare il vostro Asso-7 contro il 6 del croupier, non vi piacerebbe essere sicuri di prendere la carta che farà sballare il banco?

Il problema è che non sappiamo cosa il croupier abbia a faccia in giù e non sappiamo quale sarà la prossima carta. La strategia base corretta dice di chiedere carta sul 12 contro 2 e di raddoppiare con un soft 18 contro un 6.

Ma i giocatori in terza base sono disturbati in questo tipo di gioco da quelli che sembrano pensare che ci sia qualcosa di mistico nell’ordine delle carte. Anche voi la pensate così? Quante volte avete reso la vita dura al giocatore in terza base solo perché credevate a questo mito? Bene ragazzi, forse è ora che rinunciate a questa convinzione.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Stupide convinzioni sul Blackjack, 10.0 out of 10 based on 1 rating